Archivio mensile:luglio 2018

Celestino V, eremita nato con la camicia

 

di

Arnaldo Casali

 

 

Era nato con la camicia, Pietro Angelerio. La madre dell’uomo che il 5 luglio 1294 sarebbe stato eletto papa con il nome di Celestino V, e che avrebbe anticipato di 719 anni tanto la figura di un papa dimissionario quanto quella di un papa francescano e allergico al potere, amava infatti…

Continua a leggere l’articolo

 

Papa Celestino V (1215 – 1296)

 

Il monte Morrone e, sullo sfondo, il gruppo della Majella

 

 

               

Tutti i riferimenti nascosti nel dipinto “La colazione dei canottieri” di Renoir

 

da

tpi.it

 

 

Il 25 febbraio del 1841 nasceva a Limoges, in Francia, Pierre-Auguste Renoir, figura di primo piano della pittura francese e uno dei massimi esponenti della corrente impressionista. Con oltre 5mila tele a lui attribuite, il pittore francese è stato uno tra i più prolifici artisti, senza contare i suoi numerosi disegni e acquerelli…

Continua a leggere l’articolo

 

Pierre-Auguste Renoir, “Le déjeuner des canotiers” (1880 – 1882)
Washington, Phillips Collection

 

 

               

Cosa ci insegna un idillio amoroso medievale sulle molestie sessuali di oggi. La storia di Abelardo ed Eloisa

 

di

Lisa Bitel

 

 

I mezzi di informazione sono improvvisamente saturi di notizie su uomini influenti, il cui comportamento sul luogo di lavoro è stato contestato da parte delle donne. Questi presunti molestatori sembrano dare per scontato che il potere sul posto di lavoro li autorizzi ad avere contatti sessuali con chiunque…

Continua a leggere l’articolo 

 

 

 

 

               

La biblioteca magica di John Dee

 

da

lamisuradellecose.blogspot.com

 

Un tesoro, tra libri e oggetti, sarà per la prima volta in mostra a gennaio presso il Royal College of Physicians di Londra, dove è conservata la più vasta collezione di volumi appartenuti all’enigmatico John Dee (1527-1608/9), lo scienziato, il cortigiano, il mago…

Continua a leggere l’articolo

 

John Dee (1527 – 1608)

 

 

               

Alessandro Baricco – Dave Eggers: “Oggi non basta più essere soltanto scrittori”

 

di

Paolo Di Paolo

 

I due autori mettono a confronto i loro percorsi tra scuole, editoria e impegno

 

“Neanche l’ha sfiorato l’idea che fare lo scrittore potesse bastare”. Così ha detto una volta Alessandro Baricco parlando di Dave Eggers, ma forse ragionava anche di sé. I due hanno parecchi tratti in comune… 

Continua a leggere l’articolo

 

Alessandro Baricco (1958 – )

 

Dave Eggers (1970 – )

 

 

               

Antonio Canova, l’armonia del Classicismo

 

da

libreriamo.it

 

 

Antonio Canova fece suo l’ideale di bellezza classica e fu in grado di farlo rivivere attraverso il marmo. Le sue sculture, caratterizzate dalla compostezza dei gesti, dall’eleganza armoniosa delle forme e da una estrema levigatezza del modellato sono famose in tutto il mondo. L’arte del Canova ebbe…

Continua a leggere l’articolo

 

Antonio Canova (1757 – 1822)

 

 

               

Compiuta da Firenze: l’enigma di una poetessa

 

da

ilpalazzodisichelgaita.wordpress.com

 

 

Era conosciuta, fino a poco tempo fa, come “la Compiuta Donzella“: così avevano soprannominata quella misteriosa poetessa gli eruditi dell’Ottocento, facendo eco ai poeti che corrispondevano con lei, i quali affiancavano al suo nome, Compiuta, l’appellativo donzella, signorina. Oggi si preferisce chiamarla semplicemente Compiuta da Firenze, dato che null’altro… 

Continua a leggere l’articolo

 

 

 

 

 

               

Perché “I Walk The Line” di Johnny Cash è da considerarsi poesia

 

da

liberiamo.it

 

 

In una numerosa famiglia di contadini dell’Arkansas, dedita alla coltivazione e alla raccolta del cotone, nasceva il 26 febbraio 1932 Johnny Cash. I suoi genitori e i suoi fratelli non lo sapevano, ma quel bambino sarebbe diventato nel giro di qualche anno la leggenda…

Continua a leggere l’articolo

 

Johnny Cash (1932 -2003)

 

 

               

Amate, adorate e rispettate le donne!

 

 

 

Era settembre del 1979. Avevo da un mese compiuto due anni. Prima in hit parade, quella fine estate, era “Tu sei l’unica donna per me” di Alan Sorrenti. Ed effettivamente, chi mi tiene in braccio in questa foto è mia madre, l’unica donna per me. 
Dico questo non per ripicca contro qualcuna che mi ha mollato o per giustificare il fatto di non averne una accanto. Lo dico perché mia madre, e così la madre di ciascuno, sarà necessariamente connaturata nella madre dei miei figli, come le altre in tutti i figli. Badate bene che questa non è affatto una “diminutio” a svantaggio di una moglie o di una compagna. Ogni madre, prima di essere una persona, è un’Idea, una meravigliosa Idea, l’Idea del Bene. È un’anima che trasmigra in vari corpi, è la vera e unica “Dea sive Natura”.
Amate, adorate e, soprattutto, rispettate sempre le donne come fareste con vostra madre, perché in ciascuna di esse finirà inevitabilmente anche l’anima di colei che vi ha donato la vita!!!

 

 

               

Beato Angelico, il frate e la Luce. Perché le sue opere abbagliano lo spettatore

 

di

Giuseppe Fusari

 

 

l punto di partenza è lo stesso: la “Madonna delle ombre”, affresco tra i più intriganti nella produzione dell’Angelico; immerso in una sorta di umore crepuscolare, dove le ombre si stirano lunghe sui muri candidi e le forme delle figure (i soliti santi addolciti del pittore) si torniscono con una forza plastica nuova, che prelude alle massicce sculture degli affreschi per papa Nicolò V in Vaticano.

Continua a leggere l’articolo

 

Beato Angelico (1395 – 1455)