Archivi giornalieri: 8 novembre 2018

E allora sì

 

 

 

E allora sì,
sì, ca t’abbraccio forte,
t’astregno accussì forte
a te fa ‘mmanca’ ‘o ciato,
ma me l’aie chierere tu
pecchè ‘a quanno te ne si’ ghiuta
so’ addiventato scemo,
e tanta cose nun ‘e capisco cchiu’.
Nun ave’ paura.
Stiennele ‘sti braccia,
io stongo ‘cca’
nun me ne vaco.
Io c’aggio sempe stato.
Vieni, vieni ccà,
fatte leva’ sti capille ‘e oro
annanze all’uocchie,
ca te voglio guarda’ ancora.
M’aggio sfasteriato ‘e te sunnà sultanto.
Io voglio sta’ scetato!

E allora sì,
sì, ca t’abbraccio forte.
Stiennele ‘sti braccia,
fatte ‘na risata
e arape ‘o core,
io stongo ‘cca’
nun me ne vaco.
Io c’aggio sempe stato,
pecchè tu, nenne’, si’ troppa bella,
‘o ‘bbuo’ cape’ o no
ca over si’ ‘a cchiu’ bella,
e chesto m’è abbastato
pe’ me fa ‘nnammura’.

(Novembre 2018)