Archivio mensile:Giugno 2021

Democrazia, secolarizzazione e solidarietà

 

di

Paolo Piluso

 

 

Jürgen Habermas è indubbiamente tra i più autorevoli filosofi viventi, un autore complesso che non può non rappresentare un punto di riferimento costante nell’approccio alla riflessione gius-filosofica e filosofico-politica dell’oggi. La complessità del suo pensiero, che ha conosciuto evoluzioni, svolte e ripensamenti, appare di estremo interesse a chi intenda interrogarsi sull’idea di democrazia e, segnatamente…

Continua a leggere l’articolo

Jürgen Habermas (1929 ​- )

 

 

 

 

Il binomio società ed educazione

 

di

Andrea Carli

 

 

Raddrizzare il tronco di un albero cresciuto storto risulta difficile o quasi impossibile mentre sorvegliare la sua crescita verticale tramite un sostegno fin dal primo germoglio si dimostra efficace: questo è il potere dell’educazione. Riuscire a comprendere da subito le categorie necessarie al movimento dialettico della ragione permette di non far proprie quelle abitudini errate, quelle consuetudini inspiegabili e quei dogmi indistruttibili che rendono insidioso il processo di ricerca della verità…

Continua a leggere l’articolo

 

 

 

La sorte della filosofia nella vicenda della morte di Socrate

 

di

Antonio Martini

 

 

Rileggendo l’Apologia di Socrate mi è subito balzato all’occhio un aspetto curioso, ma che vorrei far vedere essere categoriale e necessario, della condanna del maestro di Atene. Le accuse che gli sono state rivolte sono simili a quelle che ancora oggi vengono addossate alla filosofia. Tale constatazione mi fa pensare che ci sia una sorte comune tra Socrate e la filosofia, entrambi accusati di commettere gli stessi errori. Perché alla fine cos’è Socrate se non l’incarnazione della filosofia, fattasi presente in un determinato luogo e tempo?

Continua a leggere l’articolo

Jacques-Louis David, “Morte di Socrate” (1787)

 

 

 

 

Frantumare il pensiero unico con la filosofia

 

di

Andrea Surbone

 

 

Per risolvere il nostro tempo – questo enorme problema – e non aggravarne le contraddizioni, bisogna innanzitutto comprenderlo lucidamente. Una lucidità che alcune opere aiutano ad acquisire, come il volume Darwinismo e politica di David George Ritchie…

Continua a leggere l’articolo

David George Ritchie (1853–1903)

 

 

 

 

Simone Weil: la fabbrica disumanizzante

 

di

Federico Ragazzi

 

 

La fabbrica ha da sempre suscitato grande interesse per intellettuali e studiosi di differente estrazione politica e sociale. Essi, da sempre, hanno versato fiumi di inchiostro scrivendo trattati ed elaborando ipotesi sulla vita e sul futuro del sistema industriale. Pochi di loro, però, hanno deciso di sacrificare la propria comodità per vivere realmente le dinamiche psico-sociali che si sviluppano all’interno di una fabbrica. Simone Weil, insegnante e filosofa francese della prima metà del ‘900, può essere annoverata tra questi pochi studiosi.

Continua a leggere l’articolo

Simone Adolphine Weil (1909–1943)

 

 

 

 

Cosa rimane dell’anima

 

di

Antonio Martini

 

 

Nel Fedone di Platone, tra i vari concetti presi in esame, c’è quello di anima. Per chi non si occupa di filosofia questo termine potrebbe risultare obsoleto o mistico, in quanto nella nostra società non viene più usato, se non in alcune religioni. Ma perché non si parla più di anima e da che altra idea è stata rimpiazzata?

Continua a leggere l’articolo

Platone (428/427 a.C.–348/347 a.C.)

 

 

 

 

Relativismo o prospettivismo? Una nuova idea di comunità

 

di

Lorenzo Carmelo Tesoro

 

 

La negazione dei valori assoluti sfocia necessariamente nel relativismo. Ma arrendersi a questa conclusione significa abbandonarsi a quel nichilismo “passivo” di cui parlava Nietzsche. Tolta di mezzo la metafisica, è ancora possibile fondare un ordine morale? Il prospettivismo morale nietzschiano consente di riconsiderare la questione a partire dalla relazione che intercorre tra diverse istanze individuali all’interno di una comunità…

Continua a leggere l’articolo

Friedrich Wilhelm Nietzsche (1844–1900)

 

 

 

 

Attualità della riflessione epistemologica
di Ludovico Geymonat

 

di

Alessandro Tosolini

 

 

Che cos’è la verità? Che cos’è la realtà? In che modo possiamo conciliare il carattere oggettivo della verità con il fatto che essa sia storica e muti continuamente? Le risposte di Ludovico Geymonat a questi interrogativi, a partire dall’analisi storica delle scienze, sono ancora oggi di grande interesse…

Continua a leggere l’articolo

Ludovico Geymonat (1908–1991)