‘A mamma d’ ‘e ‘ssirene

 

 

Stammatina maggio affacciato da’ fenesta ’e casa mia
e aggio visto nu paraviso ‘e mare, sole, museca e ‘ssirene.
‘E tre prete ca tengo ‘e faccia
so’ proprio chelle addò stevano pusate ‘sti creature d’ ‘o mito.
Stongo accussì bello ca putesse pure muri’
pecchè sto pensanno ca tu
nun si’ Parthenope, Leucosia e nemmanco Ligheia.
Tu si’ ‘a mamma d’ ‘e ssirene.
E si putesse turna’ a nascere n’ate mille vote
ogne vota vulesse nascere Ulisse
pe’ allucca’ cu ‘e cumpagne mie
“Nun me attaccate all’arbero ‘e ‘sta nave,
quanno e ‘ssirene cantano me voglio mena’ a mare
pe’ me fa’ fa’ a piezze ‘a chella ca sta’ annascosa,
‘a chella ca quanno se fa’ vede’
me leva ‘o sanghe ‘a dinto ‘e ‘vvene:
‘a cchiu bella ‘e tutte quante,
‘a mamma d’ e’ ‘ssirene!”.

(Dicembre 2017)

 

 

 

 

               

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *