La perla e il pescatore

 

 

Seppure raccogliessi tutto il silenzio
che ti è succeduto
per farne un’unica parola d’amore
che recasse il tuo nome.
Seppure avessi la possibilità
una sola possibilità ancora
di averti davanti e guardarti sorridere.
Seppure pensassi di annegare il mio cuore
nel dolore che piango
al ricordo incomparabile dei tuoi occhi.
Seppure maledicessi
quelle mani che mi carezzavano,
quelle labbra che baciavano le mie
e i raggi di luna in una notte d’inverno
e seppure permettessi alla rabbia di gridare
per provare a trovare una ragione
che sia pure vana e illusoria,
non potrò mai dimenticarti.
Non voglio!
Non voglio che il silenzio diventi parola,
che il tuo sorriso, i tuoi occhi,
le tue mani, le tue labbra,
siano solo ricordo.
Non voglio una perla.
Voglio pescare dove il mare è profondo.
Lì mi troverai
quando risalirò dall’abisso
in cui la tua assenza
mi ha fatto sprofondare.

(Febbraio 2010)

 

(guarda la videopoesia)

 

havaiki-pearl-guest-house

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *