‘Na bambulella

 

 

Tu si’ ‘na bambulella
de chelle cu ‘o vestito ricamato de seta janca
tutte a trini e pizzilli
e cu ‘e scarpetelle cusute a ‘mmano
da ‘na femmena gentile.
‘Na bambulella cu ‘na frangia de oro,
ca fa arriva’ ‘e capille
quasi fino all’uocchie
ca luceno pure quanno ha fatto scuro.
Tu si ‘na bambulella
de chelle ca me ‘ncantasse a guarda’ ‘a sera
‘ngoppo ‘o cummo’, primma de piglia’ suonno,
‘na bambulella ca me strigno forte ‘mpietto
ogne ‘bbota ca penzo
ca nun starrai maie cu ‘mmè.
Tu si ‘na bambulella, 
‘a bambola ‘cchiù bella,
de chelle ca ‘sta vucchella de porcellana rosa
‘a regnesse de vasi
pigliannome pe’ fesso
ca ‘e stongo ranno a te.

(Maggio 2018)

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *