Pecché

 

Pecché si accussì bella, ne, pecché?
Chisti uocchie lustri manco nu sciucquaglio ‘e oro
‘sti mmane cchiù preziose ‘e nu tesoro
ca si avesse ‘na carezza,
ne iesse stiso ‘nterra pe’ ‘a priezza.
Quanno me parli e riri, me fai scuppià ‘stu core
‘na curtellata ‘mpietto senza senti’ dulore.
Pecché si accussì bella, ne, pecché?
Tu si’ a reggina ca po’ fa ogne ommo re
nu principe consorte a chi tene a fortuna ‘e ave’ ‘sta ciorta
surdato ‘e truppa e ‘nzieme ‘mperatore
a chi cumbatte ‘a guerra ppe ‘st’ammore.
‘Sta vita mia l’hai fatta addiventà nu suonno
e si nun te pozzo ave’, nennella mia,
ca m’he ‘mbriacato comme si fussi vino,
m’addormo allerta, e sonno ‘e te tenè vicino.

(Dicembre 2017)

 

 

 

 

 

               

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *