Uocchie

 

 

Stanotte t’aggio sunnata.
Aggio sunnato ‘a faccia toia
janca comme ‘o latte,
‘e capille luonghi e lisci,
e l’uocchie chini ‘e cose belle.
 
Aggio ‘ntiso ‘o ciato tuoio doce,
t’aggio vista abballà,
comme a ‘n angelo senza scelle.
Tu stive ccà
e me chiudive l’uocchie.
 
Io vulesse rimane’ cecato
pe te vasa’ tutte ‘e ‘nnotte
e po’ ancora, ancora.
 
Fino a quanno ‘stu scuro allummarra’
l’uocchie miei pe’ ‘e tuoie,
io te vulesse tenere pe’ sempe vicino.

(Gennaio 2018)

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *