Archivio mensile:Aprile 2021

Come stranieri a noi stessi: tra dimensione fenomenica
e tensione all’ulteriorità.
Note su ontologia e politica in Kant

 

di

Lucia Nocentini

 

 

Parlare di fenomenicità dell’ente pensante significa riconoscere che il soggetto può in definitiva riflettersi solamente nella cosalità, vale a dire indirettamente; ed è di conseguenza, intrinsecamente scisso, estraniato. In tal senso si può dire che si è come “stranieri a se stessi”; e lo si è tanto più allorché ci troviamo di fronte altri soggetti, che proprio in quanto “interiorità”, ci sfuggono dunque interamente e ai quali a nostra volta sfuggiamo…

Continua a leggere l’articolo

 

Immanuel Kant (1724-1804)

 

 

 

La filosofia senza individui

 

di

Saverio Mariani

 

 

La filosofia, come diceva Deleuze, ha sempre a che fare con il pensiero comune. Non solo perché è necessario porre in questione le certezze che indirizzano l’ampio agire umano, ma anche perché a volte quello stesso pensiero comune (doxa) è guidato da convinzioni filosofiche, scientifiche, tecniche. In un processo di auto-correzione, potremmo dire, la filosofia è per statuto impegnata a problematizzare la realtà e lo strato più superficiale rappresentato da ciò che noi definiamo come realtà…

Continua a leggere l’articolo

 

 

 

Tra Fascismo e John Locke: il paradosso della tolleranza
di Popper

 

di

Marcello Davide Borraccio

 

 

Può una carta costituzionale contenere un paradosso riguardo uno dei temi più importanti della storia del popolo italiano? Tra Locke e Popper prende vita il “paradosso della tolleranza”…

Continua a leggere l’articolo

 

Karl Raimund Popper (1902-1994)

 

 

 

L’ambigua universalità dei diritti

 

di

Alessandra Algostino

 

 

Il manifesto dei diritti dell’uomo, la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948, muove dal «riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti uguali e inalienabili». Il concetto di “dignità” dell’uomo, da un lato, appare ormai oggetto di un riconoscimento millenario, e, dall’altro, rappresenta un principio, che, se pur espresso in modi differenti, è trasversale rispetto a varie culture…

Continua a leggere l’articolo

 

 

 

 

Come aquila incontro alla tempesta
I dilemmi di Rousseau, tra natura e politica

 

di

Maria Grazia Recupero

 

 

…e prende il suo volo, lo spirito audace,
come aquila incontro alla tempesta,
predicando l’avvento dei suoi dèi.
F. Hölderlin, Rousseau

 

I versi di Hölderlin descrivono la parabola filosofica di Jean-Jacques Rousseau nell’incessante tensione fra l’azione e l’inazione, lo slancio umanitario, la passione antisociale e i ripensamenti mistici. Il progressivo abbandonarsi, nella vita come negli scritti, ad una metafisica delirante del sé avrebbe condizionato la critica e spesso condotto ad interpretazioni contraddittorie. È illuminista, storicista, dialettico, Rousseau. Ma anche deluso, intimista e nevrotico…

Continua a leggere l’articolo

Jean-Jacques Rousseau (1712-1778)

 

 

 

Biopotere, genealogia e ontologia:
da Focault a Derrida

 

di

Pietro Lembo

 

 

Uno dei tratti tipologici dei nostri tempi è, senza ombra di dubbio, il crescente sconfinamento della politica nella dimensione biologica dell’esistenza. Parecchi, in proposito, i fenomeni che possiamo citare a titolo esemplificativo: stimolazione dei desideri, controllo dei corpi, terrorismo che fa politica con e su la vita, gestione poliziesca delle popolazioni in permanente stato di eccezione, deriva identitaria razzista che fa leva sui caratteri biologici per fronteggiare flussi migratori…

Continua a leggere l’articolo

Michel Foucault (1926-1984)

 

 

 

Cosa intendiamo quando parliamo di causa ed effetto?

 

di

Maurizio Morini

 

 

È nota l’affermazione di Kant secondo la quale è stato Hume a svegliarlo dal sonno dogmatico e ad imprimere alle sue ricerche filosofiche uno sviluppo del tutto diverso da quello iniziale. Il motivo di ciò sono state le osservazioni sul principio di causalità, che Hume considera come dipendente in modo esclusivo dall’esperienza. Tuttavia, a causa di alcuni rilievi critici avanzati dallo stesso Kant, si è spesso equivocato lo scetticismo di Hume fino a farlo coincidere con la distruzione della ragione e delle sue capacità conoscitive…

Continua a leggere l’articolo

David Hume (1711-1776)

 

 

 

 

Paternalismo e democrazia liberale: un equivoco da chiarire

 

di

Virgilio Mura

 

 

Sembrava sepolto nel dimenticatoio delle categorie politiche destinate a sicura obsolescenza e, invece, il paternalismo ha conosciuto nelle ultime tre decadi, soprattutto negli Stati Uniti per opera di economisti e giuristi, un inaspettato revival. Declinato in molte varianti1, talune anche fantasiose e stravaganti, ma sempre coniugato, non senza acrobatismi dialettici, con il liberalismo e la democrazia. E qui risiede l’equivoco da chiarire. Prima, però, occorre chiarire un altro punto, relativo all’uso del termine. Anzi, all’abuso…

Continua a leggere l’articolo