Archivi categoria: Poesia Napoletana

Uocchie

 

 

Stanotte t’aggio sunnata.
Aggio sunnato ‘a faccia toia
janca comme ‘o latte,
‘e capille luonghi e lisci,
e l’uocchie chini ‘e cose belle.
 
Aggio ‘ntiso ‘o ciato tuoio doce,
t’aggio vista abballà,
comme a ‘n angelo senza scelle.
Tu stive ccà
e me chiudive l’uocchie.
 
Io vulesse rimane’ cecato
pe te vasa’ tutte ‘e ‘nnotte
e po’ ancora, ancora.
 
Fino a quanno ‘stu scuro allummarra’
l’uocchie miei pe’ ‘e tuoie,
io te vulesse tenere pe’ sempe vicino.

(Gennaio 2018)

 

 

 

 

 

‘A mamma d’ ‘e ‘ssirene

 

 

Stammatina maggio affacciato da’ fenesta ’e casa mia
e aggio visto nu paraviso ‘e mare, sole, museca e ‘ssirene.
‘E tre prete ca tengo ‘e faccia
so’ proprio chelle addò stevano pusate ‘sti creature d’ ‘o mito.
Stongo accussì bello ca putesse pure muri’
pecchè sto pensanno ca tu
nun si’ Parthenope, Leucosia e nemmanco Ligheia.
Tu si’ ‘a mamma d’ ‘e ssirene.
E si putesse turna’ a nascere n’ate mille vote
ogne vota vulesse nascere Ulisse
pe’ allucca’ cu ‘e cumpagne mie
“Nun me attaccate all’arbero ‘e ‘sta nave,
quanno e ‘ssirene cantano me voglio mena’ a mare
pe’ me fa’ fa’ a piezze ‘a chella ca sta’ annascosa,
‘a chella ca quanno se fa’ vede’
me leva ‘o sanghe ‘a dinto ‘e ‘vvene:
‘a cchiu bella ‘e tutte quante,
‘a mamma d’ e’ ‘ssirene!”.

(Dicembre 2017)

 

 

 

 

Pecché

 

Pecché si accussì bella, ne, pecché?
Chisti uocchie lustri manco nu sciucquaglio ‘e oro
‘sti mmane cchiù preziose ‘e nu tesoro
ca si avesse ‘na carezza,
ne iesse stiso ‘nterra pe’ ‘a priezza.
Quanno me parli e riri, me fai scuppià ‘stu core
‘na curtellata ‘mpietto senza senti’ dulore.
Pecché si accussì bella, ne, pecché?
Tu si’ a reggina ca po’ fa ogne ommo re
nu principe consorte a chi tene a fortuna ‘e ave’ ‘sta ciorta
surdato ‘e truppa e ‘nzieme ‘mperatore
a chi cumbatte ‘a guerra ppe ‘st’ammore.
‘Sta vita mia l’hai fatta addiventà nu suonno
e si nun te pozzo ave’, nennella mia,
ca m’he ‘mbriacato comme si fussi vino,
m’addormo allerta, e sonno ‘e te tenè vicino.

(Dicembre 2017)

 

 

 

 

 

‘A mariola

 

S’io fosse ‘nu mariuolo
iesse a ‘rrubbà ppe te ‘nu mazzo ‘e rose,
‘n aniello cu ‘e brillanti e ‘na corona ‘e sposa.
Po’ me futtesse e ‘pprete d’ ‘a cima d’ ‘o Vesuvio,
nu centenaro ‘e cantare cu l’acqua ‘e Marechiaro
pe te fa ‘na piscina arò tu stai ‘e casa
e me ‘ncanta’ annascuso ‘ntramente te fai ‘o bagno.
S’io fosse ‘nu mariuolo iesse a ferni’ ‘ngalera
e llà alluccasse all’ate
ca è sulo ppe te si stongo carcerato.
S’io fosse ‘nu mariuolo e che mariuolo fosse,
‘nu povero ‘mbranato, ‘na meza tacca streveza.
Tu, si’ ‘a mariola vera, ‘na mastra di valore,
pecche’ sulo cu ‘ll’uocchie te si arrubbato ‘o core.

(Dicembre 2017)

 

 

 

 

 

‘Sta lengua mia

 

 

T’ ‘o voglio dicere int’ ‘a sta lengua mia napulitana,
ca m’ha ‘mparato mamma ‘a piccirillo
quanno ogne juorno m’astregneva ‘mpietto.
E tutto chello ca è passato ‘a tànno
nun m’ha ‘mparato sulamente a usa’ ‘sta lengua.
M’ha fatto cape’ pure si è ‘o mumento
‘e dicere a ‘na femmena: si’ bella overamente,
nun sulo pecchè tiene ‘sti capille ‘e seta
e ‘a vocca ca fa addiventa’ zucchero ‘o veleno.
Io te vulesse tenere vicino
pe’ tutto ‘o tiempo ca ancora me rimane,
sulo a te, t’ ‘o giuro, a niscun’ata.
T’ ‘o sto ricenno int’ ‘a ‘sta lengua mia napulitana
e si nun ‘a capisci, te fa strana,
faccio parla’ l’uocchie, ‘e ‘mmane e ‘o core,
pecchè int’ ‘a vita puo’ nun capi’ mai niente
ma sulo ‘na parola te spiega tutte cose: ammore.

 

(Dicembre 2017)

 

 

 

 

 

Chi ‘o ‘ssape

 

 

Tre ‘ccose so’ rimaste d’ ‘o paraviso,
dicette ‘o poeta a tutto:
‘e stelle, ‘e sciure e ‘e criature.
Pe’ ‘mme, ca nun songo tanto gruosso comme a isso,
‘sti tre ‘ccose songo ‘e stelle, ‘e sciure e tu.
‘E stelle ‘e tiene dinto a chisti uocchie
ca ancora me guardano.
‘E sciure ‘e tiene ‘mmocca
e cacciano l’addore quanno me parli.
E po’ ‘nce stai tu
ca si’ stella, sciore, criatura e paraviso.
‘Na vita senza e te
me facesse ferni’ ‘nto ‘nfierno
e si pure accussì fosse
m’abbastasse ‘e cade’ ‘nterra acciso
pe turna’ subbeto addu te, ‘nto paraviso.

(Dicembre 2017)