Archivi categoria: Poesia

E continuo a guardare la luna

 

 

 

E continuo a guardare la luna,
a parlarle.
Sono folle a parlare alla luna?
Lo sarei di più se non l’ascoltassi.
Mi racconta di ciò
che esisteva prima del mondo,
prima di te.
Sei nata la notte in cui
ho cominciato a parlare alla luna.
Morirai quando smetterò di ascoltarla.
E continuo a guardare la luna…

 

 

 

Aspetta che arrivi il mio corpo per farti donna. Aspetta che arrivi il mio dio per farti madre!

 

 

 

Desidero invitarvi a una riflessione, un po’ lunga ma valevole, credo, di lettura. Mi sono sempre accostato ai racconti della Bibbia, Vecchio e Nuovo Testamento, non essendo credente, col medesimo distacco e la stessa curiosità intellettuale che manifesto verso altre “mitologie”, da quella greca a quella cinese, da quella egizia a quella degli indiani d’America. Nello specifico della “mitologia” cristiana”, è chiaro come l’impianto dottrinale del Cristianesimo, così come stabilito dai Padri della Chiesa, Agostino in primis, ma anche Origene, Ireneo e altri, sia essenzialmente platonico-neoplatonico. Chi si intende anche poco di filosofia sa esattamente di cosa parlo. Un esempio su tutti: il dogma della Trinità cristiana (Padre, Figlio e Spirito Santo) altro non è che la teoria delle tre ipostasi (Uno, Intelletto e Anima) di Plotino e potrei continuare così con altri esempi.
C’è un “racconto” nella religione cristiana che mi affascina, che amo, come amo il mito di Orfeo ed Euridice o le narrazioni della dea egizia Hathor: quello della madonna. Mi affascina e lo amo perché vi vedo la più meravigliosa celebrazione della donna e della donna-madre che sia mai stata elaborata nella storia del pensiero umano. Dal concepimento per intervento divino, e non per lo sfregamento del budello maschile (aspetta che arrivi il mio corpo per farti donna, aspetta che arrivi il mio dio per farti madre), fino all’assunzione in cielo, che la eleva al di sopra di tutte le creature viventi. La madonna, una donna “mortale” che partorisce il dio che ha creato il mondo e anche lei medesima (Dante lo aveva capito benissimo: “tu sei colei che l’umana natura/ nobilitasti sì, che il suo fattore/ non disdegnò di farsi sua fattura”, Par. XXXIII, 4-6). La “mitologia” cristiana, attraverso la madonna, ha così reso poesia ciò che nella realtà pochissimi maschi riescono a comprendere e, ancor peggio, molte donne stesse non ne sono capaci.
Ho sempre sostenuto e scritto che ogni donna sia il mondo e che nel cuore di ciascuna vi sia la storia del mondo. La donna-madre, invece, è l’Universo, è la Dea sive Natura. Credo fermamente nel principio femminile di creazione della realtà, che vogliate chiamarlo Dea-madre, femminino sacro, matriarcato, eccetera.
Cos’è una divinità creatrice se non la donna che partorisce la realtà così come partorisce un figlio? Quale occasione ha il maschio di prendere parte alla creazione, divenendo dio egli stesso, se non l’atto sessuale del concepimento? Il sesso è lo spirito della divinità che si umanizza materializzandosi. Afrodite Pandemia per il maschio, Afrodite Urania è la donna, per dirla con Platone.
La donna-madre rende tutto un unicum, ecco perché il mio appellativo di derivazione spinoziana Dea sive Natura, Dea che è la Natura, il Mondo, l’Universo creato.
La donna-madre deifica il maschio, deifica la creatura che partorisce, deifica l’esistente.
Alla fine, voi credete in dio, nel dio dei preti, che non esiste. Lasciate, dunque, che io creda in questa donna, che, forse, non esiste, se non nella mia mente e nel mio desiderio!

 

 

 

Epitalamio

 

(Te e i Pink Floyd)

 

 

Ormai ti conosco.
A memoria.
Eppure, ogni volta che ti vedo
resto obnubilato
dall’esondazione di grandezza
che trasuda da ogni stilla,
non meno divina,
di te.
Sei qualcosa di prodigioso
e oltremodo sublime.
È evidente che su di te
sia caduta una supernova
di irradiante e traboccante meraviglia.
Con te è tutto troppo grande
e troppo indefinito.
Tra due o tre secoli
potrei ancora guardarti
con tutta la misterica deferenza
con cui oggi ammiro
un’opera d’arte in un museo.
Non sei neanche più solo bellezza:
sei porta della percezione
che ogni volta varco,
tra drammi onirici
e agnizioni brutali.
Sei l’universo altro
che si scompone e ricompone
disegnando sciarade sfuggenti.
Sei la perfezione.
Punto.

 

 

“Bomb” di Gregory Corso: un’ironia d’attualità

 

di

Vincenzo Corrado

 

“A volte l’inferno è un buon posto, se serve a dimostrare con la sua esistenza che deve esistere anche il suo contrario, cioè il paradiso. E cos’è questo paradiso? La poesia.”

Parola di Gregory Corso. Tra i più noti poeti dell’americana scena Beat, esplosa nella metà del Novecento. Di chiare origini italiani, Gregory, fu l’ultimo arrivato ed il più giovane in quel consolidato gruppo ribelle di amici meglio conosciuto come la Beat Generation a cui tutt’ora dobbiamo molto. Sicché infatti, l’effervescenza dei testi di Gregory…

Continua a leggere l’articolo

 

Gregory Corso (1930 – 2001)

 

Allen Ginsberg e Gregory Corso a New York (1973)

 

 

 

Friedrich Schiller, il poeta della libertà

 

di

Carlo Lottieri

 

 

È sufficiente passare qualche ora a Weimar, visitare la casa in cui visse e farsi conquistare dello magia del luogo per avvertire in che modo Friedrich Schiller ha saputo incarnare lo spirito liberale e borghese di quella Germania che poi verrà spazzata via dalla reazione nazionalista successiva all’invasione napoleonica…

Continua a leggere l’articolo

 

Friedrich Schiller (1759-1805)

 

 

Sulla tomba di Shelley

 

 

Tra le mie mani
la tua pelle diventa poesia.
Quieta pittura,
che mi riveste l’anima,
vento leggero
che accarezza i miei occhi
Lascerai questo letto,
presto,
appiccando nuove fiamme
dalla cenere.

(4 dicembre 2016, Cimitero acattolico di Roma)

 

shelley-1

 

 

 

Tableaux de débauche

 

 

Uno stormo di quadri immorali,
uccelli con ali di vampa,
avvolge i miei occhi
e vi pianta
lame frementi e profonde.
Un lume di sangue
veglia il tuo sonno
e i miei brividi folli.
Con labbra chiuse tu dormi
e il tuo corpo scoperto
soffia braci di ansimi
e sospiri corrotti
sulla mia impotente miseria,
agonizzante nel lebbrosario del vizio
che il tuo seno cupido
nutre e sostenta.
Mai sarò stanco di amarti,
mio dissoluto tormento…

 

Immagine 4

 

Ho sempre desiderato incontrare una donna che mi possedesse a tal punto l’ispirazione da renderla, con i miei versi, un’opera d’arte vivente! (R. P.)

 

Fantasma

 

 

Sono stanco.
Sono stanco
anche di odiarti,
fantasma,
a tal punto
da ucciderti
affinché ti dilegui.
Ma tu non svanisci
e torni ogni notte
per farmi morire
sulle labbra e sul corpo
a cui appartenevi!

 

 

 

Nell’aiuola sotto l’albero di pere, non spuntano più i ciclamini a settembre

 

Piccolo ragguaglio critico sulla mia poetica

 

 

Il maggior grattacapo di ciascun critico letterario è certamente quello di non poter mai, o quasi mai, ascoltare dalla viva voce dell’autore che critica alcunché riguardo la sua poetica. Il primo, infatti, deve sempre procedere gattoni, con una lampada in mano, anche in pieno giorno, per cercare di districarsi, di individuare quello che, molto spesso, costituisce un vero e proprio bandolo di matassa della mente del secondo. Ciò detto, semmai qualche critico letterario in un lontano futuro dovesse interessarsi alla mia opera poetica, ecco un piccolo ragguaglio su di essa.

ciclamino

Nel settembre del 2002, in un’aiuola sotto un albero di pere, nel mio giardino, a Sant’Agata sui Due Golfi, spuntarono alcuni ciclamini. Avrei creduto, per molto tempo, che vi fossero germogliati spontaneamente, fino a quando, qualche anno dopo, seppi da mia madre che era stata mia sorella a piantarli. Trascorrevo molte ore di quei pomeriggi settembrini in giardino, perché vi erano comode poltrone sulle quali sedevo a leggere e, di tanto in tanto, il mio sguardo si posava su quei ciclamini.
Nel mio immaginario, non soltanto poetico, i ciclamini hanno sempre rappresentato, anche pascolianamente, la mia infanzia. Agli inizi degli anni ’80, il mio paese era pieno di prati che a settembre cominciavano a colorarsi del viola dei ciclamini. Questi fiori sono stati tra i primi che noi, bambini, donavamo a nostra madre o a qualche compagnuccia.

Fioritura-annuale-di-Cyclamen-hederifolium

Alla fine di quel settembre del 2002 ritornai per gli ultimi mesi a Urbino, terminando i miei studi universitari. Anche il mio giardino mutò d’aspetto, a causa di una diversa destinazione che fu decisa per la nostra proprietà, seppure quella aiuola vi è rimasta. Si chiuse, così, un periodo della mia esistenza, che ho cristallizzato in quei ciclamini. Da allora, ogni settembre, nel mio cuore sboccia sempre un fascetto di ciclamini, nei cui petali e nei miei versi rivivono quel bimbo, quel giovane e  quel tempo che non ci sono più.

 

Italia

Canto d’autunno

Blues di un amore lontano

 

IMG_20160904_184655L’aiuola sotto l’albero di pere dove spuntavano i ciclamini a settembre, oggi (settembre 2017)

 

 

Sinestesie

 

 

 

Tu sei sfuggente confessione di delicatezza,
il mio dolce risveglio abbandonato.
Sei pioggia di luce che mi schiude le mani.
Sei liquore che scorre tra le parole,
sapore che luccica,
melodia che mi risuona negli occhi.
Sei splendore abbronzato e rovente,
sei rimorso assordante,
sei notte di tacite stelle.
Sei pensiero di piombo pesante,
battere d’ali alluso di farfalla.
Sei sorriso amarognolo
e nebbia di tocco mielato.
Sei alba fragrante,
sguardo di labbra taglienti.
Sei fiore di voce,
vela malinconica della mente.
Tu sei sottile confine,
il mio confine sottile tra il sogno e la carne.

 

images (1)