Archivi categoria: Poesia

In silenzio

 

 

Seduto su una panca
ho soltanto un biglietto per la mia destinazione:
il viaggio di una notte.
Né valigia, né fogli di carta.
Nessuna fermata ho programmato.

La strada è un flusso senza fine
di sigarette e nostalgia.

Questa notte sarò con te ancora una volta.

Vorrei essere già a casa.
Dove le mie parole correvano via.
Dove tu sei ad aspettarmi.
In silenzio.

(Maggio 2015)

 

la-strada-di-notte-bc8ebca7-bfe6-4653-ac2b-02dc010100cf-300x294

Canto

 

 

Io canto il tuo corpo,
lo declamo.
Terra promessa
nella quale mi abbandono
fino a raggiungerne le viscere
profonde,
per baciarne l’odore.
Ne lambisco i confini,
abbraccio il calore che avvinghia,
che scioglie,
e torno lì,
dove tutto ha inizio,
a bere il tuo sudore
tremante,
che avvampa la giogaia assetata.
E poi su,
a riverso,
tra i petali scuri e sottili
del fiore negato,
tra due ali di vento
e una forra incavata,
umida,
nivea,
affondo l’idioma dinamico
mentre il resto impietrisce
al tuo ritmico andare.
Mi alzo
e percorro
lentamente,
una per una,
con passo sicuro,
le stanze della notte,
fino a far deflagrare il tuo respiro
madido,
tormentato,
canne di un organo
ad un accordo in maggiore,
sacra rappresentazione
cadenzata,
modulata,
danza primigenia di anime possedute.
E a quel punto
muoio con te
e lascio morire anche il mio corpo
distrutto e disfatto,
strappato,
trafitto,
da ciò che tu sola, tu sola
tu sola
mi hai saputo svelare.

(Marzo 2010)

 

ssss

Gustave Coubert, L’origine del mondo (1866), Parigi, Museo d’Orsay

 

 

 

Sei tu che incanti il mondo

 

 

Sei tu che incanti il mondo
coi tuoi passi leggeri,
con le tue mani sottili,
coi tuoi occhi specchiati d’infinito.
 
Sei tu che incanti il mondo
quando ti svegli accanto a me,
quando asciughi il mio pianto,
e col tuo sorriso sai accendere il mio.
 
Sei tu che incanti il mondo
con gli abbracci con cui mi stringi,
con i baci che mi dai,
con i segreti che mi sveli.
 
Sei tu che incanti il mondo
e il mondo non smetterà mai d’incantarmi.

(Maggio 2017) 

 

 

Quando il pesco sarà fiorito

 

 

T’incontrerò
quando il pesco sarà fiorito,
portandoti per mano
su prati di margherite,
al suono dolcissimo del flauto
che ascoltavi quando eri bambina.
T’incontrerò
quando il pesco sarà fiorito,
trovandoti donna
e io uomo,
ad aspettare che un bocciolo di vita
si schiuda
al calore del sole
che ti è sorto negli occhi.

Aprile 2017

 

 

 

 

Uocchie

 

 

Stanotte t’aggio sunnata.
Aggio sunnato ‘a faccia toia
janca comme ‘o latte,
‘e capille luonghi e lisci,
e l’uocchie chini ‘e cose belle.
 
Aggio ‘ntiso ‘o ciato tuoio doce,
t’aggio vista abballà,
comme a ‘n angelo senza scelle.
Tu stive ccà
e me chiudive l’uocchie.
 
Io vulesse rimane’ cecato
pe te vasa’ tutte ‘e ‘nnotte
e po’ ancora, ancora.
 
Fino a quanno ‘stu scuro allummarra’
l’uocchie miei pe’ ‘e tuoie,
io te vulesse tenere pe’ sempe vicino.

(Gennaio 2018)

 

 

 

 

 

Le bellezza delle forme commuove

 

 

Per te,
che avevi gli occhi spalancati

mentre i miei si rifiutavano di vedere,
mi son perso nel campo
dei ciclamini della mia fanciullezza
i cui piccoli petali parlano
ma non si toccano.
Si lamentano, ridono e,
sebbene muoiano,
raramente si commuovono.
 
Un inno con qualsiasi altro titolo
potrebbe essere più dolce.
Forse il sole non splenderà mai più
sul campo di ciclamini.
Di quelli troppo malati,
troppo malati per vedere,
nonostante non appaia nulla,
qualcuno sa, sì.
E sarei voluto essere io.

(Giugno 2014)

 

 

 

 

‘A mamma d’ ‘e ‘ssirene

 

 

Stammatina maggio affacciato da’ fenesta ’e casa mia
e aggio visto nu paraviso ‘e mare, sole, museca e ‘ssirene.
‘E tre prete ca tengo ‘e faccia
so’ proprio chelle addò stevano pusate ‘sti creature d’ ‘o mito.
Stongo accussì bello ca putesse pure muri’
pecchè sto pensanno ca tu
nun si’ Parthenope, Leucosia e nemmanco Ligheia.
Tu si’ ‘a mamma d’ ‘e ssirene.
E si putesse turna’ a nascere n’ate mille vote
ogne vota vulesse nascere Ulisse
pe’ allucca’ cu ‘e cumpagne mie
“Nun me attaccate all’arbero ‘e ‘sta nave,
quanno e ‘ssirene cantano me voglio mena’ a mare
pe’ me fa’ fa’ a piezze ‘a chella ca sta’ annascosa,
‘a chella ca quanno se fa’ vede’
me leva ‘o sanghe ‘a dinto ‘e ‘vvene:
‘a cchiu bella ‘e tutte quante,
‘a mamma d’ e’ ‘ssirene!”.

(Dicembre 2017)

 

 

 

 

Breviario poetico, SteMi Editrice, 2017

 

 

 

Un piccolo compendio di poesia. Ecco cos’è questo libello che desidero offrire a chi vorrà leggerlo. Una lirica al giorno, per 365 giorni, da meditare, appena svegli o prima di dormire, per cominciare o terminare la giornata con la poesia. Perché la poesia è una monade spirituale che esplode per creare il tempo e l’Universo. Ho scelto i componimenti tra quelli preferiti, quelli che hanno segnato momenti importanti della mia vita. Da Omero, l’aedo dell’animo umano, a Shakespeare, il cantore delle passioni umane, fino alle poetesse e ai poeti ancora viventi e operanti, attraverso tutte le epoche e tutte le latitudini della Terra, quasi a creare un ponte ideale che unisse evi ed esistenze, nel nome della poesia. Una breve storia, dunque, in poesia, del mondo e dell’uomo. Nella scelta ho scelto la mia vita. Essa è trascorsa anche in queste poesie, perché donare poesie di altri attraverso sé stessi è donare se stessi!

 

 

 

Pecché

 

Pecché si accussì bella, ne, pecché?
Chisti uocchie lustri manco nu sciucquaglio ‘e oro
‘sti mmane cchiù preziose ‘e nu tesoro
ca si avesse ‘na carezza,
ne iesse stiso ‘nterra pe’ ‘a priezza.
Quanno me parli e riri, me fai scuppià ‘stu core
‘na curtellata ‘mpietto senza senti’ dulore.
Pecché si accussì bella, ne, pecché?
Tu si’ a reggina ca po’ fa ogne ommo re
nu principe consorte a chi tene a fortuna ‘e ave’ ‘sta ciorta
surdato ‘e truppa e ‘nzieme ‘mperatore
a chi cumbatte ‘a guerra ppe ‘st’ammore.
‘Sta vita mia l’hai fatta addiventà nu suonno
e si nun te pozzo ave’, nennella mia,
ca m’he ‘mbriacato comme si fussi vino,
m’addormo allerta, e sonno ‘e te tenè vicino.

(Dicembre 2017)

 

 

 

 

 

L’effimero e la poesia crepuscolare

 

Effimero è qualcosa di fugace e passeggero. E’ ciò che è fragile nel suo essere nel tempo. La sua attrattiva e la sua bellezza, quella che seduce e che si vorrebbe poter fissare, trova la propria ragion d’essere nell’incostanza. Nella mancanza di continuità. Nella negazione dell’eternità e, persino, nella deliberata rinunzia all’Assoluto. Proprio lì, in quell’attimo di non perpetuo, guido_gozzanodavanti alla vacuità del tempo, saltano gli schemi, i piani e tutte le certezze. Si annullano le distinzioni e le consuetudini. Si mandano all’aria le regole. Si sovverte lo status quo ante. I poeti crepuscolari, Guido Gozzano (immagine a destra) (1883-1916), Corrado Govoni (1885-1965), Tito Marrone (1882-1967) e Sergio Corazzini (1886-1907), massimi cantori dell’effimero nella storia della Letteratura italiana, dopo la stagione della poesia celebrativa di Giosuè Carducci e dell’estetismo superomistico di Gabriele D’Annunzio, con il mito del poeta, come animatore della storia e creatore delle forze del futuro, avevano ripiegato su temi e movimenti più semplici, declinanti, smorzati e quasi spenti. Il loro verso si presenta privo di qualsiasi ornamento e fluttua libero dal peso della tradizione formalistica. Tutto è accomunato dal bisogno del compianto e della confessione, nonché da una sorta di rimpianto pascoliano per un tempo che non c’è più e che diviene, giocoforza, fonte di perenne insoddisfazione: un’insoddisfazione che non si trasforma, giammai, in ribellione, piuttosto in rifugio dell’anima. La poesia crepuscolare evoca la tristezza e canta la coscienza infelice, la musica raminga, le canzoni d’amore del tempo perduto, le suppellettili che sanno di polvere, le luci soffuse nelle chiese, dove le candele si consumano lente, gli autunni nostalgici, fatti di addii e, persino, le primavere disadorne, senza alberi in fiore e senza profumi di vita rinnovata. Un lirismo della malinconia, la cui bellezza diventa canto dell’illusione. Quell’illusione che, seppure concepita in un momento di entusiasmo o di disperazione, si trasforma, poi, in verità, in realtà, disvelando, come un lampo improvviso, i misteri più nascosti, gli abissi più cupi della natura, i rapporti più lontani e segreti, le cause più inaspettate e remote, le astrazioni più sublimi, nei confronti delle quali la poetessa, paziente tessitrice di stati dell’animo, per dirla leopardianamente: “si affatica indarno per tutta la vita, a forza di analisi e di sintesi”.

 

Effimero-Ilaria-Immagine

 

Quantunque la bellezza brilli,
essa cade. Così
in questo mondo chi
potrebbe essere in eterno?
Valicando oggi
le profonde valli dell’esistenza
non farò più vani sogni
né mai più m’illuderò!”.

Così, il monaco buddhista giapponese Kobo Daishi, vissuto tra l’ottavo e il nono secolo d. C., medita sulla fugacità della bellezza. “Cosa bella e mortal passa e non dura”, scrive Francesco Petrarca nel sonetto 248 del “Canzoniere”. E Molière, nel terzo atto della commedia “Le donne sapienti”, ricorda come “La bellezza del viso è un fragile ornamento, un fiore che appassisce presto, il bagliore di un istante”. Il bardo immortale William Shakespeare, in “Sogno di una notte di mezza estate”, si presenta sulla stessa lunghezza d’onda: “Tanto presto, quel che risplende è pronto a sparire”. Riecheggia anche “La canzone di Marinella” di Fabrizio De André: “E come tutte le più belle cose, vivesti solo un giorno, come le rose”. Non valgono patti faustiani con il demonio, oppure trasferimenti wildiani su tavole dipinte! La parola diviene tutto quello che resta. “Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus”, recita l’excipit del romanzo di Umberto Eco, “Il nome della rosa”. La rosa, che era, ora esiste solo nel nome, noi possediamo soltanto nudi nomi! Nomi, parole, versi, specula dell’ispirazione poetica, cifre del vissuto dei poeti crepuscolari, pendoli silenti che oscillano tra la realtà e l’immaginazione, tra l’illusione e il disincanto.

 

448710440-effimera-longicaudata-lago-chanka-canna-palustre-tramonto-del-sole